Libro degli ospiti

Scrivi commento

Commenti: 6
  • #1

    Paola Tonolla (lunedì, 04 maggio 2009 12:26)

    Innanziutto un grazie a Lino per le ricerche e le informazioni pubblicate.
    Leggendo ci si sente presi per i fondelli. Mi vien da pensare che volutamente non si è voluto informare la popolazione. A disposizione se si vuole portare avanti un'iniziativa.
    Un saluto, Paola

  • #2

    Athos Fasani (mercoledì, 06 maggio 2009 20:55)

    Complimenti Lino e avanti con le informazioni pubbliche!

    È ora di finirla di nascondere temi importanti come quello dei rifiuti e lasciare che un gruppetto di persone facciano quello che vogliono, a discapito della popolazione.

    Il Medioevo è finito da un pezzo! La popolazione è ora che si svegli e non accetti più questo modo di agire da balivi.

    Occorrerebbe anche analizzare più in dettaglio i conti CRER (prestiti ai Comuni a tasso zero, commissioni e prestazioni varie dei soliti noti).

    Avanti così.

    Athos,
    ex collaboratore
    Organizzazione Regionale del Moesano
    (ORMO)

  • #3

    Alberto pool (venerdì, 14 maggio 2010 21:06)

    Ho letto con molto interesse le informazioni raccolte. Rimango stupito per le energie molte ben impiegate di questo media. Sono meno, molto meno stupito invece dell'atteggiamento delle autorità che davanti al dio denaro chiudono gli occhi.... anche se a molti cittadini e cittadine della Mesolcina lacrimeranno gli occhi!
    Complimenti!

  • #4

    Solare (mercoledì, 01 agosto 2012 12:13)

    Complimenti! ;-)
    Tramite Google ho trovato questo blog, e tanto che ero quì ho pensato di lasciarvi un saluto!
    Ciaooooooooo

  • #5

    lorenza (sabato, 29 dicembre 2012 09:45)

    un saluto a tutti da lorenza di affitto case vacanze

  • #6

    Sheila Barenco (lunedì, 16 novembre 2015 10:14)

    Grazie per tenerci informati (visto che va di moda "dimenticare" di dare notizie complete.


Gabriele (venerdì, 01 maggio 2009 22:26)

 

Ciao Lino e grazie per l'opportunità che ci dai di poter esprimere il nostro parere in merito ad una problematica cosi importante.
Si penso anche io che l'unica cosa da fare sia un'iniziativa dettata dal non rispetto degli statuti,anche perché non ci sono appigli per contrastare la domanda di costruzione, credo inoltre che sia molto importante creare un gruppo che si occupi dei diversi aspetti che una presa di posizione di questo tipo crea.
La Crer ha taciuto e ognuno deve chiedersi seriamente per quale motivo l'ha fatto. Personalmente ho le idee in chiaro, le scorie e ancora di più le ceneri sono tossiche ma la fetta di torta da spartire é grande. Indovinate un po' cosa toccherà agli abitanti di Sorte Lostallo ma aggiungo della Mesolcina intera? Cerchiamo di evitare un'ulteriore inguaribile ferita alla nostra valle già sotto pressione da altre fonti inquinanti.
Personalmente sono disponibile nel caso ci sia bisogno di un colpo di mano.

Lascio qualche link per chi interessa saperne di più su inceneritori e derivati...

Grazie e saluti

 

http://federicovalerio.splinder.com/post/19593962

 


#2
 Gabriele (venerdì, 01 maggio 2009 22:41)

 Dimenticavo, caso mai capitasse da queste parti volevo lasciare al signor Lorenzo Fornara responsabile dell' inceneritore di Giubiasco come promessogli dal sottoscritto alla serata informativa, un estratto del rapporto dell'UFAM inerente l'estrazione delle diossine dalle ceneri tossiche:

"In futuro, per far sì che l'estrazione a secco possa effettivamente contribuire a un riciclaggio ecosostenibile dei rifiuti, occorrerà inoltre estrarre dalle ceneri degli elettrofiltri anche le diossine. Che la cosa sia tecnicamente possibile è dimostrato. E lo è stato anche questa volta da un progetto, nel frattempo concluso, sostenuto dalla Confederazione e condotto in collaborazione con la Von Roll Inova e l'umtec."

L'intero rapporto lo si puo' trovare al seguente indirizzo, rapporto che personalmente considero incompleto visto che tiene conto quasi esclusivamente dei benefici finanziari comunque:


http://www.bafu.admin.ch/dokumentation/umwelt/06017/06046/index.html?lang=it

Ogni promessa é debito
 saluti